Allarme della Polizia: “vi arriverà per posta, state attenti, si tratta di una busta/lettera, che sta risultando falsa, identica (per colore e marchio) a quella dell’Agenzia delle Entrate”

Loading...

Attenzione alla truffa che sta colpendo moltissimi italiani! L’avviso è apparso ieri sulla pagina fb ufficiale della Polizia di Stato “Una vita da social” chiedendo la collaborazione di tutti i cittadini: “Avvisate parenti e amici facendo circolare questo avviso, dovete soltanto condividerlo”.
L’Agenzia delle Entrate ha emesso un comunicato stampa con il quale avverte che alcuni (benemeriti, è il caso di dire) contribuenti, hanno notificato la presenza di false lettere del Fisco, nelle quali si richiedeva il pagamento di somme dovute all’erario. Sin qui la più classica delle “truffe online” si dirà. Ma non è così perché questa volta la truffa viaggia con il più antico dei mezzi di comunicazione: la posta cartacea.
Le lettere per le quali si è fatto denuncia sono pervenute ai contribuenti direttamente nella cassetta postale del proprio indirizzo fisico di residenza. La lettera falsa della truffa postale ricalca bene quelle ufficiali dell’Agenzia delle Entrate, “ha il logo ufficiale e la riproduzione della firma di un dirigente. In essa si chiede ai contribuenti di regolarizzare la propria posizione versando una somma superiore a 4.000 euro tramite conto corrente postale o bonifico bancario ad una società” si legge nel comunicato dell’agenzia.

loading...

Nel comunicato stampa l’Agenzia precisa che l’ente non richiede in nessun caso pagamenti tramite conto corrente postale o bonifico bancario, ma solo con l’utilizzo dei modelli di pagamento F23 o F24.Le prime lettere sono arrivate nel Lazio, ma altre regioni potrebbero presto essere interessate.

La prima cosa da fare se si riceve un tentativo di truffa postale come quello che abbiamo segnalato è denunciare il tentativo di truffa, rivolgendosi quanto prima a qualsiasi ufficio delle Entrate e alle forze di polizia e quanto meno, se vi è possibile, avvisare, a voce o magari usando appunto un qualsiasi mezzo di comunicazione come facebook, condividendo questo articolo sul vostro profilo.

Grazie per la collaborazione…

Loading...